VIVERE FINO a 120 ANNI E’ POSSIBILE?

Da quando mi interesso di salute, del vivere bene… la mia attenzione è attratta da libri con titoli come:

  • VIVERE SANI FINO A 100 ANNI  del Dottor Roberto Bianchi
  • VIVERE 120 ANNi del giornalista Panzironi
  • HO DECISO DI VIVERE FINO A 120 ANNI del Dottor Ilchi Lee.

Il mio cambio di priorità/valori nel campo del benessere è iniziato molti anni fa, durante un seminario condotto da un arzillo ‘vecchietto’ che emanava un’allegria, un’energia così alta e contagiosa che la mia vocina interiore, mi ricordo che disse: “voglio diventare così…”

Per tornare alla domanda del titolo, in questi giorni parlavo entusiasticamente della  meta che ognuno di noi potrebbe darsi e mi sono scontrato con molte risposte che anche il dottor Lee ha trovato.

Poche persone a questo ambizioso progetto rispondono con piacere di si, le reazioni sono state più o meno così:

  • noo…sarebbe un inferno!
  • non è possibile.
  • raccontano esempi di gente sana (solo perchè mangiava insalata e faceva del moto), morta per malattie o incidenti.

Pare che la migliore domanda da porsi è : te la senti di vivere fino a 120 anni?

CI SONO SEMPRE PIU ULTRACENTENARI

La scienza concorda che le capacità di vita delle cellule umane sia ben oltre i 120 anni. Ci sono prove documentate di persone che hanno superato i 120 anni. Oggi gli anziani, con pochi accorgimenti sui propri stili di vita e con l’aiuto della moderna medicina, sono più prestanti e in salute rispetto a poche decine di anni fa.

Allora perchè ci sono queste reazioni più o meno forti che contrastano una tale possibilità? Ecco alcune ipotesi:

  1. una vita lunga richiama l’immagine di malattia, fragilità, dipendenza e timore di essere un peso per qualcuno.
  2. la vita che si ha ora, è difficile e poco soddisfacente e non si vede un futuro migliore.
  3. mettere in pratica gli stili di vita migliori (buona alimentazione, movimento…) sono per molti paragonabili a delle torture che li obbligano ad abbandonare quei pochi ‘piaceri’ che si prendono dalla vita.
  4. la paura di un futuro sociale, economico, della solitudine…
  5. la morte fa paura e non si vuole pensare al giorno che arriverà.

Inconsapevolmente o no, sono diversi i pensieri e le emozioni, collegati al fatto che vivere fino a 120 non è un buon obiettivo. Mi auguro, come sostengono il dottor Bianchi e il dott Lee, si diffonda sempre più la cultura dell’amor proprio e della cura della propria anima per vivere consapevolmente ogni giorno con piacere.

LA MORTE, IL NOSTRO APPUNTAMENTO PIU’ IMPORTANTE

In questi anni seguendo la filosofia e lo stile di vita che lo yoga propone, mi è piaciuta moltissimo l’affermazione di Antonio Nuzzo, un insegnante di yoga da più di 50 anni, il quale ad un seminario disse che lo yoga deve preparare l’essere umano all’appuntamento più importante che ha, cioè quello con la morte.

Arrivare a questo appuntamento carichi di acciacchi, o peggio ancora di sentimenti ‘pesanti’ come paura, rabbia, risentimento, rimpianti, tristezza…. non è uno dei migliori stati per fare l’importante ‘passaggio’.

Lo stesso Antonio Nuzzo è rimasto affascinato da come alcuni maestri dello Yoga accolgono con serenità l’abbandono del corpo fisico.

Anch’io nel mio piccolo,in particolare durante un pellegrinaggio in Himalaya, ho visto diverse persone molto grandi (oltre i 100 anni), emanare un carisma di forza, gioia immenso. Sono per me una fonte di ispirazione molto potente.

I CONSIGLI DEL DOTTOR LEE PER VIVERE BENE FINO A 120 ANNI:

LE ABITUDINI DETERMINANO LA LONGEVITA’

Ciò che mangi diventa il tuo corpo, diventa la tua energia, già in molti altri articoli ho sottolineato quanto sia importante scegliere come e cosa mangiare.

Uno studio dell’università di Londra svolto su 65.000 soggetti ha rivelato che chi consumava sette porzioni di frutta e verdura al giorno, presentava un tasso di morte prematura inferiore al 42% rispetto a chi ne consumava meno di una porzione al giorno.

La pratica di ridurre le calorie o il digiuno migliora moltissimo la salute e la vitalità.

FAI ESERCIZIO FISICO.

Fare del movimento fisico è universalmente riconosciuto che contribuisce a mantenerti più forte, sano ed migliora la qualità della vita.

Lo dimostrano quotidianamente arzilli vecchietti che compiono imprese che metterebbero in difficoltà anche giovani sportivi.

IL DNA LO ATTIVI CON LE TUE ABITUDINI

Non è DNA il motivo del successo. E’ la perseveranza, la mentalità…uno stile di vita/abitudini applicato giorno per giorno, anno per anno che porta al successo che noi ammiriamo. Se ti aggrappi alla scusa del dna, del miracolo…. togli potere a te stesso di cambiare le tue abitudini.

GLI OTTIMISTI VIVONO MEGLIO E PIU’ A LUNGO

Chi ha un punto di vista positivo sull’invecchiamento vive più a lungo e meglio di chi ne ha uno negativo. Perchè il corpo, l’alimentazione sono importanti ma il fattore più importante è l’allenamento per creare una psicologia forte, positiva…

Come usi la tua mente è importantissimo, tramite i pensieri e le emozioni fornisci il cibo che nutre tutto il tuo essere.

SCEGLIERE QUANTO VUOI VIVERE

creare un obiettivo è importante anche in questo ambito della longevità. Creare l’intenzione, mette il cervello nella direzione per poterlo raggiungere. Attiva l’attenzione e la volontà per imparare, fare ciò che serve.

E’ una domanda potente, chiediti “per quanto tempo scelgo di vivere?”

LA POPOLAZIONE MONDIALE STA INVECCHIANDO

E’ un dato di fatto, si fanno meno figli e si vive sempre più a lungo, fra pochi anni ci guarderemo in giro e vedremo molti più ‘vecchi’.

Il problema è che pochi si stanno preparando mentalmente e fisicamente per affrontare questa nuova fase.

LA VECCHIAIA E’ UNA FASE IMPORTANTE DELLA VITA. PREPARATI!

Ho visto la generazione di mio padre (1938), che avevano l’obiettivo posto fisso ⇒ pensione e poi completamente impreparati si sono trovati ad affrontare quello che è peggiore della morte…..avere tanto tempo a disposizione e non sapere come impiegarlo con soddisfazione. Una vera tristezza.

Osservavo questi pensionati, che all’inizio erano molto felici di avere la giornata ‘pagata’ dal loro duro lavoro ma nel giro di pochi anni, non sapevano come organizzarsi per tutto questo tempo libero.

Oggi questa situazione sta migliorando tra le generazione dei nuovi anziani, soprattutto in chi ha studiato o ha l’abitudine di leggere.

In queste nuove generazioni di anziani, sai quale problema riscontro? Sono più preparati mentalmente, perchè hanno studiato, leggono…hanno una mentalità più giovanile/attiva, ma ‘abitano’ in un corpo malfunzionante, con molti acciacchi e con poca energia.

Non si sono occupati quando stavano meglio di mantenere il corpo fisico efficiente. Si dà per scontata la salute ma non è così.

Mi auguro che le nuove generazioni abbraccino la cultura di uno stile di vita a 360°, che curino il corpo, l’alimentazione e la mentalità, per vivere con gioia e soddisfazione molti anni di una vita che se si vuole, può essere più lunga e piena.

 GRANDE E’ MEGLIO DI VECCHIO

Concludo raccontandoti che non mi è mai piaciuta la parola vecchio, perchè collegata ad un significato rappresentato da malattia, fragilità, dipendenza, tristezza…. suggerisco sempre di cambiarla con GRANDE.

Per me è questo l’obiettivo per una vita vissuta al meglio: crescere, migliorare e diventare sempre più completi, competenti, saggi, amorevoli e sereni per essere al termine, pronti ad abbracciare anche il nostro appuntamento più importante.

A te la decisione per una vita da grande.

Posted in BLOG, COMUNICAZIONE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *