ANSIA e CONNESSIONE MENTE-CORPO

MENS SANA IN CORPORE SANO

                                       Giovenale

Da molti anni tra i vari magneti attaccati al mio frigo, ce n’è uno che riporta la locuzione latina tratta da Giovenale. Mi ha sempre ispirato molto pensare a quanto il benessere della mente dipendesse da quello del corpo.

L’intenzione del poeta è di portare l’uomo ad aspirare a due beni primari, quello della sanità dell’anima e alla salute del corpo. Il resto sono valori e beni, importanti ma allo stesso tempo effimeri.

CORPO e MENTE SONO CONNESSI TRA LORO.

Quando ti senti bene fisicamente è più probabile che ti senti a posto anche da un punto di vista psicologico: si è inclini a sorridere, al buonumore e a vedere il bicchiere mezzo pieno, mentre quando ci si sente tristi, demoralizzati, anche il fisico sembra mettersi a fare le bizze e ci si sente gravati da tanti piccoli disturbi.

Anche nel linguaggio comune, se ci pensi bene, questa connessione tra mente e corpo viene sottolineata spesso. Lo confermano espressioni verbali come “mi ha spezzato il cuore”, “sento le farfalle nella pancia”, “ho la testa fra le nuvole”, “ho un peso sullo stomaco” e via dicendo.

DISTURBI DA SINTOMI SOMATICI E DISTURBI CORRELATI:

Una volta la maggior parte dei medici si occupava di ascoltare anche il vissuto emotivo del paziente per poter avere una visione del quadro clinico più chiara. Il corpo spesso somatizza oltre a comportamenti, stili di vita errati, anche stati emotivi persistenti correlati a quello che chiamiamo stress.

Paura, rabbia, tristezza.. se non ascoltate e risolte, portano a veri e propri disordini chimici che nel tempo creano la malattia fisica.

Le emozioni influiscono su organi ed apparati importanti come:

stomaco, intestino, cuore, apparato respiratorio, sensazioni di debolezza o di mancanza di energia, dolori e così via.

La diagnosi fisica è importante quanto quella emotiva

Il vero problema è che quando la malattia è il risultato di un lungo periodo di emozioni non ‘ascoltate’ e non risolte, il paziente spesso ha creato per paura di affrontare il problema a monte, uno stato di evitamento emotivo. Si avrà così una rincorsa a collezionare diagnosi a tutti i costi.

LA SINDROME DEL DOCTOR-SHOPPING:

Esami su esami a livello fisico verranno condotti per trovare una soluzione, una rassicurazione. Questa corsa alla soluzione viene definita come doctor-shopping. Tutti gli esami sono giustificati, perchè a tutti gli effetti il corpo presenta sintomi fisici reali.

Il dolore c’è ed è reale, una delle possibili soluzioni è di prendere in considerazione anche l’aspetto meno fisico, come il proprio vissuto emotivo.

L’ANSIA E LE SUE CONSEGUENZE:

L’ansia, in parole semplici, è la figlia della paura di qualcosa che potrà accadere in futuro e sentire di non avere le risorse necessarie per rispondere in modo adeguato al problema che arriverà.

Come tutte le emozioni l’ansia è una ‘cosa’ buona e giusta, perchè ci darà l’occasione di imparare nuove abilità per crescere e superare le sfide della vita.

Il danno/la malattia si realizza quando si trasforma l’ansia in stress negativo: paure sempre più grandi, conseguenze disastrose, perchè siamo convinti di non essere capaci di sviluppare, trovare le risorse necessarie per affrontare il ‘problema’.

Questo tipo di ansia può somatizzarsi con disturbi fisici veri e propri e trasformarsi anche in attacchi di panico.

Oggi l’ansia è in aumento, perchè le paure immaginate dal nostro cervello sottoposto ad innumerevoli stimoli, sono sempre più intense e varie.

I sintomi fisici possono essere presenti come:
            • irrequietezza,
            • agitazione,
            • nervosismo,
            • iperattività,
            • rigidità muscolare,
            • mal di pancia,
            • ulcere,
          • diarrea,
          • alterazioni della pressione o del battito cardiaco….

LAVORARE SUL CORPO AIUTA A RIDURRE L’ANSIA

Leggendo il libro “LE PAURE SEGRETE DEI BAMBINI” di Lawrence J. Cohen, ho trovato ulteriore conferma di quanto lavorare sul corpo possa aiutare a migliorare anche la nostra vita emotiva.

E’ un libro rivolto ai genitori, dà utili risorse per gestire i sempre più numerosi bambini ansiosi presenti oggi. Sono il frutto dell’ansia che respirano e vivono a casa con i genitori e tutte le altre persone ansiose che trasmettono involontariamente questo stato d’essere ai più piccoli.

Cohen attua un importante lavoro di recupero con i bambini che soffrono di ansia, attraverso l’utilizzo del corpo e del respiro.

Il corpo, i pensieri e le emozioni sono così intrecciati che non si possono separare.

Un pensiero spaventoso attiva immediatamente cambiamenti nella fisiologia del corpo.

La paura intensa aumenta il flusso sanguigno, rende mani e piedi freddi… tutto il corpo si mette fisicamente nello stato per rispondere con la modalità del combatti o fuggi.

Questa risposta va bene se la paura è reale, quando è frutto di un pensiero/immaginazione bisogna correre davvero ai ripari.

COSA FARE PER CONTRASTARE I PENSIERI DI PAURA IMMAGINARI:

    • Il respiro lento cambia l’esperienza di un pensiero spaventoso, portandogli via il potere di spaventare.  Bastano pochi minuti per cambiare la risposta fisica e mentale.
    • prendere consapevolezza del corpo, delle tensioni muscolari e creare l’intenzione di portare attraverso un respiro lento, un rilassamento anche ai muscoli che si percepiscono tesi, fa miracoli.
    • affrontare la paura e capire che è una immaginazione esagerata rispetto alla realtà, cambia l’intensità delle conseguenze fisiche.
    • saltare, correre, muovere il corpo intensamente aiuta a rilasciare le tensioni emotive e fa ritrovare uno stato di rilassamento fisico e mentale.
    • l’attività fisica aiuta a creare un ritmo nella respirazione. Finità l’attività fisica, viene naturale essere più propensi ad accogliere uno stato di rilassamento fisico e mentale.
    • fare yoga e meditare, migliora la consapevolezza del corpo, delle tensioni fisiche, del respiro e delle emozioni.

RILASSARSI E’ UN ALLENAMENTO VERO E PROPRIO

I bambini che imparano le tecniche di rilassamento fisico, vanno in crisi meno di frequente e quando capita, sono in grado di calmarsi più velocemente. Hanno acquisito una risorsa importante per affrontare l’ansia.

ACCETTARE IL VISSUTO EMOTIVO AIUTA A GUARIRE PRIMA

Molte persone non hanno le risorse per affrontare le emozioni che non hanno ascoltato per molto tempo, hanno paura del dolore che potrebbero sentire nella mente, nel cuore, nel corpo…

Se si accetta di affrontarle e si imparano le risorse per superare la paura/l’ansia, non si potrà che avere una vità più ricca e sana sotto molti aspetti.

RICAPITOLANDO:
    • il corpo e la mente sono indissolubilmente connessi
    • le emozioni come rabbia, paura, ansia possono generare veri e propri sintomi fisici di malattie anche gravi
    • molti si concentrano esclusivamente sulla diagnosi fisica trascurando la ‘diagnosi’ emotiva
    • accedere a risorse per gestire le paure è importantissimo
    • il respiro, il movimento e il rilassamento sono le risorse su cui puntare per vivere al meglio
    • per sviluppare il coraggio è necessario avere paura
    • il coraggio serve anche per ammettere di avere paura
    • una vita senza emozioni è come vivere in bianco e nero.

Ti auguro il coraggio per realizzare chi sei veramente.

Posted in BLOG, COMUNICAZIONE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *