PERCHE’ NON ACCETTARE I LIMITI

LIMITE…

Che spiacevole parola, soprattutto quando viene attribuita a ciò che sei o che puoi fare.

Sfortunatamente fin da piccolo sei costretto ad entrare in contatto con questa parola.

Guarda questo video tratto dal film alla ricerca della felicità, una storia vera, dal quale puoi farti un’idea:

Limitarti è utile quando sei piccolo (e non solo…) per contenerti, gestirti meglio. Una volta creati i limiti, te li porti dietro e diventa un vero e proprio lavoro di consapevolezza riuscire a toglierli di mezzo.

La buona notizia è che puoi liberarti dai tuoi limiti.

Per alcune persone la parola limite assume un significato negativo perchè costituisce una barriera invalicabile che lo chiude in uno stato di prigionia; per altri ha un valore di soglia, cioè un passaggio, un’apertura verso nuovi orizzonti.

Questo è il primo importante punto:

COS’E’ PER TE UN LIMITE?

UN CONFINE CHE LIMITA O UNA SOGLIA CHE APRE?

Il tuo approccio nei confronti dei limiti o difficoltà, è frutto di ciò che hai imparato, ti è stato detto e in qualche modo purtroppo sei arrivato a credere essere la verità.

Ti sei accorto che praticamente tutte le vie spirituali hanno come insegnamento che sei un essere divino, cioè senza limiti?

Anche la magia ha in sè il messaggio che si possono fare cose incredibili.

Ciò che per noi oggi è normale, per i nostri nonni era inimmaginabile. Questo è stato possibile perchè molte persone hanno deciso di considerare la parola limite come una soglia da varcare verso nuovi orizzonti.

UN LIMITE CORRISPONDE AD UNA TUA CREDENZA.

Ci sono decine, centinaia se non migliaia di storie vere che riguardano persone a cui si attribuivano limiti, che non hanno accolto come veri, con il risultato di compiere veri e propri miracoli.

LE PERSONE DI SUCCESSO NON CREDONO AI LIMITI

Il 6 maggio 1954 un uomo di nome Roger Bannister stabilì un record destinato a entrare nella storia dell’atletica leggera, correndo un miglio(1609,34 metri), distanza classica del mezzofondo, nel tempo di 3 minuti, 59 secondi e 4 decimi.

Ciò che rese leggendaria l’impresa fu il fatto che nel mondo sportivo dell’epoca era credenza comune che il tempo di 4 minuti per correre il miglio fosse un limite umanamente insuperabile.

Questa convinzione collettiva risaliva addirittura alla prima metà dell’Ottocento quando un medico, allora considerato un grande luminare, affermò in un trattato relativo alle capacità cardiache, che, se portato a superare quel limite, il cuore sarebbe letteralmente esploso all’interno della cavità toracica.

Roger Bannister dimostrò il contrario. E la parte più stupefacente della storia è in realtà ciò che accadde subito dopo l’impresa di Bannister. Nell’anno successivo più di 35 atleti riuscirono a correre il miglio al di sotto dei 4 minuti, e nell’arco di tre anni oltre 300 furono in grado di ottenere il medesimo risultato!

La storia di Bannister permette di capire e di imparare moltissimo su quanto le credenze condizionano il potenziale che sfrutti, le azioni che intraprendi e, di conseguenza, i risultati che ottieni.

HAI UN POTENZIALE MAGGIORE DI QUELLO  CHE CREDI.

Credere che il limite sia una soglia, consente mentalmente di attingere ad una motivazione superiore, per azioni più incisive e consistenti nel realizzare l’obiettivo desiderato.

Anche i tuoi sensi (vista, udito…) svilupperanno una migliore e più efficace attenzione/sensibilità a tutto ciò che ti serve.

Si chiama S.A.R. (Sistema di Attivazione Reticolare), in parole semplici è un insieme di cellule nervose gestite prevalenemente dall’inconscio,e si occupa di farti notare le cose che hai deciso essere importanti.

Il S.A.R. funziona anche quando porti l’attenzione a ciò che non vuoi, o di cui hai paura.

Concentrati, impegnati ed applicati a pensare sempre a ciò che vuoi.

La profezia che si auto-avvera è uno dei fenomeni più studiati in psicologia sociale.

Chiedi e ti sarà dato

(Matteo, 7,7-11)

COME SUPERARE I LIMITI CON LA MENTE:

  1. Consideri un limite come un confine che limita o una soglia da varcare?

  2. Dietro ad ogni limite c’è una o più credenze che lo alimentano, trovale.

  3. Decidi se le credenze sono vere o no.

  4. Da questo momento agisci per superare la soglia e scoprire cosa c’è oltre.

  5. Sarai sostenuto da azioni ed un’attenzione superiori (S.A.R.)

  6. Goditi la felicità per aver superato la soglia.

Liberarsi dall’idea di limite come confine, renderà la tua vita un viaggio ricco di nuove esperienze e soddisfazioni.

Immagina cosa accadrebbe se tu riuscissi a superare tutti i tuoi limiti?

Probabilmente ti avvicineresti a ciò che le vie spirituali vogliono insegnare.

Ti accorgeresti che sei un essere Divino.

Ti auguro una giornata Divina.

 

 

 

 

 

Posted in BLOG, PSYCH-K.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *