ENERGIA, QUALE MIGLIOR CARBURANTE?

Energia!!! La vita si svolge grazie all’energia.

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma.

Lavoisier

Hai mai pensato al tuo corpo come una macchina?

Miliardi di cellule compongono l’essere umano, si sono organizzate per vivere, creando apparati diversi, proprio come quelli di una macchina.

IL CORPO E’ UNA MACCHINA SOFISTICATA.

La complessa collaborazione tra tutte le cellule è sicuramente più elaborata di qualsiasi macchina ideata dall’uomo.

Come tutte le macchine, il corpo ha bisogno di carburante per poter creare l’energia necessaria alla vita.

LA VITA HA BISOGNO DI CARBURANTE

Sento molte persone che si lamentano di avere poca energia, si sentono stanche, la parola che viene usata con più frequenza è:  stress.

Se il principale carburante è il cibo, oggi non manca. Eppure molte persone sono alla ricerca di avere più energia e spesso desiderano dimagrire.

Perchè si mangia troppo e ci pratica poco movimento.

Oppure c’è forse qualcos’altro che non va?

Un’altra risposta è che si usa un carburante (cibo) per creare energia che non è dei più idonei.

Vediamo insieme in modo semplice, dal cibo quale carburante puoi ottenere.

Gli alimenti forniscono tre macronutrienti :

  • carboidrati (zuccheri) semplici e complessi.

  • proteine con gli aminoacidi di cui sono costituite.

  • grassi, divisi in saturi, monoinsaturi e polinsaturi.

Dieta - Personal Trainer Milano - Tonicamente.it - Alex Vigna

Ci sono nel cibo anche i micronutrienti anch’essi molto importanti: vitamine, sali minerali, enzimi….che non tratteremo in questo breve articolo, perchè ci concentreremo sul ‘carburante’.

La maggior parte delle persone crede che gli zuccheri o glucosio che si ricavano dai carboidrati complessi o semplici, sono il carburante migliore e più salubre che ci sia.

E’ CREDENZA DIFFUSA CHE LO ZUCCHERO SIA IL CARBURANTE PER ECCELLENZA.

In realtà non è vero del tutto. I carboidrati non sono il miglior ‘carburante’ per produrre energia. Fra poco capirai perchè.

Da anni è stata avviata una guerra contro i grassi, perchè sospettati di causare aumento di peso e problematiche a livello cardiovascolare.

Solo nel 2016 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha emanato delle direttive in cui si consiglia ai cittadini americani di consumare pochi grassi saturi, in quantità inferiori al 10% delle calorie totali, nonostante gli studi clinici effettuati a supporto di questa affermazione risalgano agli anni 50 e siano stati da tempo ampiamente smentiti dalla scienza.

LA SCIENZA HA SMENTITO LA CREDENZA SULL’IMPORTANZA DEGLI ZUCCHERI.

E’ vero che zuccheri e grassi sono i carburanti da cui il corpo può ricavare energia.

E le proteine? Le proteine anch’esse in casi di emergenza, possono essere scomposte in zuccheri, creando nel processo di trasformazione delle sostanze di scarto che necessitano di essere eliminate, con un carico di lavoro in più per i poveri reni.

Scartiamo le proteine come carburante, perchè avrebbero sul lungo termine, un impatto pesante per la salute generale del corpo.

Rimane aperta la ‘battaglia’ tra zuccheri e i grassi.

Dove produce ENERGIA il  corpo?

La risposta è: sono i mitocondri, organelli all’interno delle cellule, che fabbricano l’energia necessaria.

La trasformazione ‘alchemica’ che permette di convertire in energia il cibo che mangiamo e l’ossigeno che respiriamo, avviene nei mitocondri, miliardi di organelli situati all’interno delle cellule.

Si stima che una persona adulta ne possieda 10 milioni di miliardi.

I MITOCONDRI SONO I RESPONSABILI DEI TUOI LIVELLI DI ENERGIA.

Gli organi sottoposti a maggiore attività metabolica ne hanno di più, come: cervello, fegato, reni, muscoli e non ultimo il cuore, dove ogni sua cellula contiene più di cinquemila mitocondri.

Se una persona con il suo stile di vita, danneggia la funzionalità cellulare dei mitocondri, avvertirà un calo di energia vitale.

MITOCONDRI CHE NON FUNZIONANO = MINORE ENERGIA VITALE

Quando si parla di metabolismo che non funziona, devi pensare a quanto sono in salute i tuoi mitocondri.

Se non c’è energia vitale, un sano funzionamento del metabolismo, viene più facile lo sviluppo di malattie gravi.

Il cibo che ingeriamo ogni giorno ha un effetto diretto sulla salute dei mitocondri.

Vediamo con più dettagli questi microscopici componenti delle cellule :
  • i mitocondri sono responsabili del 90% dell’energia che serve per la vita. Generano ogni giorno quasi 50 kg di molecole di energia, l’ ATP (adenosina trifosfato).
  • controllano la naturale morte delle cellule (apoptosi), eliminando i rifiuti cellulari prima che sviluppino malattie croniche.
  • riparano i danni nel DNA.
  • producono durante i processi di creazione dell’energia (ATP), e i radicali liberi (ROS).

Con l’avanzare dell’età il numero dei mitocondri diminuisce ma possiamo fare molto per rallentare questo naturale processo, con alimentazione ed attività fisica.

HAI GRANDE RESPONSABILITA’ SUI TUOI LIVELLI DI ENERGIA.

Qual’è la migliore cura che puoi dare ai tuoi mitocondri?

La risposta è molto semplice: fornisci loro il miglior carburante e svolgi attività fisica.

Il Dottor Joseph Mercola nel suo libro ” Trasforma il grasso in energia“, spiega in modo dettagliato come e cosa fare.

Ecco un confronto tra zuccheri/carboidrati e grassi:

  1. un’alimentazione ricca di zuccheri e povera di grassi stimola i mitocondri a produrre più radicali liberi (ROS), che quando sono troppi danneggiano le membrane cellulari, la struttura del DNA, favoriscono alti livelli di infiammazione e invecchiano precocemente l’organismo.
  2. Quando i mitocondri bruciano i grassi, la produzione dei radicali liberi si riduce del 30-40%. C’è un minore stress ossidativo e si riduce il livello d’infiammazione.
  3. troppi zuccheri stimolano eccessivamente la produzione di insulina, dalla quale a lungo andare, il corpo sviluppa una resistenza, con il rischio di diabete ed altre problematiche, come aumento della ritenzione di liquidi, aumento di trigliceridi e colesterolo…
  4. troppi zuccheri ed elevate quantità di insulina in circolo, con resistenza insulinica, bloccano le capacità del corpo di bruciare i grassi. Sovrappeso e difficoltà a perdere peso sono il risultato.
  5. Un eccesso di insulina, viene considerato dagli ultimi studi clinici, uno stimolo alla replicazione cellulare con problemi come i tumori.
  6. troppi zuccheri non utilizzati dal corpo, perchè se ne assume troppi e si fa poca attività fisica, costringono il fegato a convertire il glucosio in trigliceridi e in colesterolo LDL, considerati entrambi elementi per un alto rischio di problematiche cardiache.
  7. il consumo di grassi e la diminuzione dei carboidrati, porta il fegato a produrre quelle particelle del colesterolo ‘buone’, l’ HDL, che tiene pulite le arterie da eventuali placche.

Come fare per ‘bruciare’ i grassi, avere energia più ‘pulita’, migliorare il proprio peso corporeo e avere alti livelli di energia vitale?

  • è necessario ridurre i carboidrati, togliendo tutti quelli raffinati (pasta,pane,riso,patate, biscotti,dolci..) si mantengono quelli naturali della verdura, i quali sono accompagnati da abbondanti fibre (benefiche per l’intestino).
  • la diminuzione delle calorie dei carboidrati, verrà compensata dall’incremento dei grassi, prediligendo quelli di origine vegetale (olio oliva, lino, canapa, cocco, avocado, frutta oleosa secca…).

Questo cambio, porterà il corpo a modificare il proprio profilo enzimatico e metabolico, per poter utilizzare i grassi trasformati in chetoni.

I chetoni sono prodotti dal fegato a partire dai grassi introdotti con il cibo, sono molecole idrosolubili e passano facilmente le membrane delle cellule e la barriera emato-encefalica portando nutrimento anche al cervello.

Il corpo produrra abbondanti quantità di energia, grazie ai grassi, diminuendo fino a togliere completamente la fame e il desiderio di zuccheri, causati dagli abbassamenti veloci del glucosio nel sangue.

Il dott. Mercola, al contrario delle altre alimentazioni chetogeniche, non suggerisce di aumentare le proteine, perchè anch’esse in eccesso portano a sovraccarichi metabolici.

Tutte le quantità degli alimenti sono da personalizzare in base agli obiettivi, all’attività fisica svolta, alla composizione corporea e allo stato di salute…

I grassi sono il carburante ideale per il corpo, senza di essi ci saremmo estinti in poco tempo. L’abbondanza di cibo che c’è oggi, un tempo non c’era, le carestie erano all’ordine del giorno.

La chetosi nutrizionale di cui si parla ora, non ha niente a che fare con la chetoacidosi diabetica, una seria complicazione metabolica del diabete I.

Con la chetosi nutrizionale si avrà:
  • un abbassamento dell’infiammazione.
  • si potranno consumare meno proteine.
  • i chetoni hanno funzione protettiva sulle cellule cerebrali, prevenendo malattie neurodegenerative. (il cervello è composto da più del 60% di grassi)
  • miglioramento della funzionalità dei mitocondri, con più energia a disposizione.
  • si riducono le quantità di radicali liberi (ROS), rallentando l’invecchiamento.

In conclusione.

Nonostante ci abbiano fatto credere che i carboidrati siano essenziali quale carburante per vivere, in realtà è opportuno ridurli per consentire al corpo di bruciare i grassi a scopo energetico.

I carboidrati raffinati esistono solo da pochi decenni e le conseguenze del loro uso e abuso, sono evidenti ai nostri occhi. Aumento dell’obesità del 500%, casi di diabete quadruplicati, malattie cardiovascolari che hanno raggiunto un’incidenza del 40%.

Come sostiene il dott. Mercola, stiamo assistendo al fallimento delle linee guida e al tracollo della salute pubblica.

Ovviamente non sono solo le scelte alimentari a determinare la nostra salute…. Sappi che già con questa consapevolezza alimentare hai un grande potere di decidere quanto puoi migliorare i tuoi livelli di energia e benessere.

Approfondisci l’argomento se ti interessa, per cambiare carburante.

Buon viaggio!

 

Posted in BLOG, FOOD COACH.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *