A CHI NON AMA LA DIPENDENZA

Questo articolo è rivolto a:

  • chi ama la libertà,
  • chi ama la propria salute,
  • chi ama sentirsi efficiente e molto altro.

La parola dipendenza spesso è collegata alla droga.

La droga non porta cose positive nella vita, nelle relazioni, nella salute…

Sai ‘cosa’ sto per incriminare?

E’ un alimento che si trova facilmente, costa poco e le aziende alimentari lo inseriscono volentieri nei loro prodotti per ragionevoli e profittevoli motivi.

Sto parlando dello ZUCCHERO.

Lo zucchero al pari di una droga come la cocaina, può generare dipendenza.

CONSUMATORI CON UNA DIPENDENZA, PAGANO DI PIU’, PERCHE’ NE VOGLIONO DI PIU’

Molte complicazioni cominciano ad evidenziarsi nel moderno mondo occidentale, dove i cibi raffinati abbondano, ci sono serissimi problemi di obesità e salute.

Una dipendenza di cui se ne parla poco ma per te che stai leggendo questo blog, credo possa interessare, perchè probabilmente hai a cuore la tua salute.

LO ZUCCHERO DA’ PIU’ DIPENDENZA DELLA COCAINA

Il paradosso è che lo zucchero per la vita è importante. Dà l’energia necessaria alle cellule per svolgere i loro compiti.

E’ importante precisare a quali zuccheri ci si riferisce e al problema delle quantità eccessive ingerite.

Il corpo è progettato per zuccheri accompagnati da fibre (che ne rallentano la digestione e l’assimilazione) e da abbondanti vitamine, minerali ed enzimi.

Avrai già indovinato che mi sto riferendo agli zuccheri contenuti da tutto ciò che produce madre natura :

frutta, verdura, cereali e legumi integrali.

I principali problemi nascono quando questi prodotti vengono eccessivamente raffinati dall’industria alimentare, per garantire una maggiore conservazione e distribuzione della merce alle nostre tavole.

I processi di raffinazione eliminano quasi totalmente fibre, vitamine, minerali ed enzimi. Diventano prodotti che immettono velocemente grandi quantità di zuccheri in circolo, che il corpo non riesce a gestire al meglio.

I problemi nel lungo, medio termine sono l’eccesso di kg (obesità), scompensi cardiaci, cancro, peggioramento delle capacità cerebrali, fino al temuto diabete. Malattie che condannano all’assunzione di innumerevoli farmaci per arginare gli effetti deleteri delle malattie.

Quali sono i principali indiziati che creano dipendenza e problemi di salute?

Ecco una breve lista:
  • dolci in generale,
  • zucchero bianco,
  • barrette di cereali,
  • cereali da colazione a cui sono aggiunti zuccheri raffinati,
  • bevande zuccherate, come cole, aranciate…
  • succhi di frutta, anche se possono sembrare sani, non hanno fibre che rallentano digestione degli zuccheri..
  • pane, pasta, riso bianchi, cioè privi delle fibre…
  • farine 00

Confermata la ‘pericolosità’ di un’assunzione eccessiva di questi alimenti, affrontiamo la parte più delicata dell’argomento: la DIPENDENZA che si crea con gli zuccheri raffinati.

Lo zucchero scatena una produzione di oppioidi endogeni nel nostro cervello e nel sistema nervoso. Si crea la nota sensazione di ‘appagamento’ generata dal consumo di dolci.

Questi ormoni e neurotrasmettitori attivati dall’assunzione di zuccheri, sono esattamente gli stessi messi in moto da molte droghe piuttosto note.

La dopamina è il neurotrasmettitore che il cervello produce per creare il bisogno di ricercarne un’assunzione successiva. Più zuccheri si assumono, più dopamina si produce e più zuccheri si vogliono assumere.

Ecco come si avvia la dipendenza. Ecco perchè molti non riescono a stare a dieta e perchè si preferiscono le medicine per contrastare le malattie create dall’alimentazione.

Zucchero e Cocaina, in seguito a studi effettuati da scienziati sui topi, sono stati messi a paragone. Studi che puoi trovare pubblicati dal British Journal of Sports Medicine.

Il risultato ti sorprenderà: lo zucchero genera più dipendenza della cocaina.

I topi davano di matto per la soluzione ricca di zucchero. Desideravano abusarne, avevano la fame da droga. Un desiderio impulsivo per una sostanza psicoattiva. Soffrivano di tutti i sintomi da astinenza, quando privati degli zuccheri.

Combattere una dipendenza non è mai facile, soprattutto quando la sostanza è legalizzata e non se ne conoscono così bene tutti gli effetti negativi che può creare.

Credo che solo una corretta informazione, può dare la capacità di rendere l’individuo più CONSAPEVOLE delle proprie scelte ed agire di conseguenza.

CONSAPEVOLEZZA E’ LIBERTA’

Per sottolineare perchè bisogna prestare attenzione ai cibi zuccherati assunti, ecco una lista di effetti negativi della dipendenza da zucchero:

  • sbilanciamento delle risorse minerali nel corpo.

  • mancanza di cromo,

  • aumento dei trigliceridi e colesterolo,

  • abbassamento della vitamina E,

  • cattiva assimilazione di calcio e proteine,

  • rischio di calcoli renali,

  • assorbimento troppo rapido degli zuccheri nel sangue,

  • emicrania,

  • problemi al tratto gastrointestinale per alterazioni della flora batterica,

  • aumento allergie,

  • vertigini

Già prima hai visto i problemi come obesità, diabete, tumore, artrite, asma, cataratta, arteriosclerosi, osteoporosi, emorroidi, vene varicose, carie….. sembra proprio che non manca nulla

Perchè non togliere i cibi zuccherati per evitare i rischi di così tante malattie?

Inoltre l’eccesso di zucchero riduce la forza del sistema immunitario, aumenta l’invecchiamento cellulare, accresce la ritenzione idrica, indebolisce i capillari, i tendini, squilibri omrmonali….

Come tutte le droghe induce a livello psico-emotivo :

  • aumento ansia, iperattività, irascibilità, depressione, instabilità emotiva,

  • difficoltà di concentrazione, riduzione delle capacità di apprendimento.

Mi spiace che questo articolo possa risultare terroristico, nei confronti di un cibo che fin da piccoli ci hanno fatto associare alla festa, alla convivialità….. non si vuole con questo rinunciare alle cose belle, anzi, si desidera avere un’ottima salute per apprezzarle ancora di più.

SENZA SALUTE NON SI PUO’ GODERE LA VITA

La soluzione:

può trovarsi nell’uso di dolcificanti più sani come lo sciroppo d’agave, lo zucchero di cocco, la stevia… Usare farine integrali se si vuole fare dei dolci. Fibre che rallentano l’assimilazione degli zuccheri…

Inserire un pò di movimento fisico in più nella propria giornata, per consumare eventuali eccessi di calorie della nostra dieta.

Mi aguro che la conoscenza possa portarti una consapevolezza tale da rendere più dolce la priorità per la tua salute, per vivere una vita piena.

A presto!

Posted in BLOG, FOOD COACH.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *